SEZIONI NOTIZIE

L'Inter demolisce il Milan: Lautaro e Lukaku per la fuga Scudetto

di Emanuele Morabito
Fonte: One football
Vedi letture
Foto
© foto di www.imagephotoagency.it

La squadra di Antonio Conte, alla quarta vittoria consecutiva in campionato, allunga in vetta alla classifica e si porta a +4 sul secondo posto occupato proprio dai rossoneri.

Per il Milan, invece, è la seconda sconfitta consecutiva, la quarta dall’inizio del 2021.

La prodezza di Ibrahimović contro il Milan

L’equilibrio regge solo cinque minuti perché Romelu Lukaku, dopo aver lavorato alla perfezione una palla sul lato corto dell’area di rigore, pesca Lautaro Martinez alle spalle di Kjaer. L’argentino è glaciale e di testa supera Donnarumma per il vantaggio nerazzurro.

E’ il primo squillo di un primo tempo dominato a larghi tratti dalla squadra di Antonio Conte, in cui spicca la ormai consueta energia di Niccolò Barella e la sorprendente abnegazione tattica di Ivan Perisic come quinto di centrocampo.

Il rammarico per i nerazzurri è rappresentato dal fatto che non arrivi il raddoppio nonostante le tante occasioni avute.

Recrimina anche il Milan che a dispetto delle tante difficoltà costruisce due nitide occasioni da gol, un destro a fil di palo di Theo Hernandez e un tocco di Hakan Calhanoglu a liberare Rebic davanti a Handandovic che però l’attaccante croato non legge.

Il secondo tempo si apre con un triplo miracolo di Samir Handanovic nell’arco di tre minuti. Il capitano nerazzurro per due volte respinge d’istinto altrettanti colpi di testa di Zlatan Ibrahimovic poi allunga la mano e toglie dall’incrocio dei pali una violenta conclusione di Sandro Tonali.

La squadra di Stefano Pioli approccia la ripresa meglio dell’Inter ma alla prima vera opportunità, gli uomini di Antonio Conte raddoppiano. Segna ancora Lautaro Martinez, il suo tredicesimo gol stagionale in campionato, un tocco sottomisura sul cross basso di Perisic.

Il colpo incassato mette alle corde il Milan e l’Inter ne approfitta ancora. Romelu Lukaku scappa in campo aperto e dopo aver scherzato con Alessio Romagnoli, dal limite dell’area infila Donnarumma con un sinistro sul primo palo.

E’ un gol che lo proietta momentaneamente in vetta alla classifica cannonieri (17) e che gli permette di diventare il primo giocatore dell’Inter a segno in quattro Derby di Milano di fila in Serie A da Benito Lorenzi nel 1950.

Altre notizie
Domenica 07 marzo 2021
09:00 Editoriale Il lumicino della speranza. Come sempre bisognerà però lottare contro tutto e tutti.
Lunedì 01 marzo 2021
13:40 Serie A Gravina rieletto, Mancini: “Il calcio conta sulla sua professionalità” 13:36 Serie A Kessie, in Europa nessuno ha segnato di più dal dischetto 13:33 Serie A Di Canio stronca Lukaku: «Fa cose normali, non ha mai segnato gol importanti» 13:30 Liga Barcellona: arrestato l'ex presidente Bartomeu
Domenica 28 febbraio 2021
09:00 Editoriale La fame è terminata. Troppi i limiti, sia della squadra che dell’allenatore
Sabato 27 febbraio 2021
11:45 Liga Liga, la partita da non perdere: Siviglia-Barcellona 11:39 Premier League Premier League big match Chelsea-Manchester United 11:36 Serie A Serie A, l’Inter prenota la fuga, la Juve non può sbagliare a Verona 11:31 Serie A Roma, relazione finanziaria al 31 dicembre: perdita di 74,8 milioni di euro 11:26 Champions League Champions League, ecco il gol più bello della settimana
Venerdì 26 febbraio 2021
22:26 Premier League Premier League, le partite di domani 22:16 News Covid-19, anche Galliani positivo al Coronavirus 22:13 Europa League Milan e Roma, sorteggio shock: pescate Manchester United e Shakhtar Donetsk
Giovedì 25 febbraio 2021
23:06 Serie A Inter, Zhang Jindong rischia di perdere il controllo di Suning 23:01 Europa League Milan avanti col brivido; la Roma vince 3-1 contro il Braga 22:05 Europa League Napoli vittorioso ma eliminato; passano Ajax e Arsenal 09:54 Primo Piano Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi oggi in edicola 09:51 Serie A Il Milan cambia pelle, Donnarumma no
Mercoledì 24 febbraio 2021
23:04 Champions League L’arbitro e Mendy condannano l’Atalanta: 0-1 Real a Bergamo