SEZIONI NOTIZIE

Il Valencia sbanca Stamford Bridge: cinici gli spagnoli ma troppi errori dei Blues

di Gianluca Marianini
Vedi letture
Foto

Partita vera quella giocata a Stanford Bridge ieri sera. Il nuovo Chelsea di Lampard contro il Valencia di Celades, neo allenatore degli spagnoli dopo l'esonero burrascoso di Marcelino.

Il Chelsea conferma gli undici che erano usciti vittoriosi dalla sfida - tanto importante quanto dispendiosa- in trasferta contro il Wolverhampton.  Celades conferma dieci undicesimi rispetto alla sconfitta di domenica contro il Barcellona per 5 a 2.

La squadra inglese parte meglio: un inizio sprint caratterizzato dalle ottime giocate del giovane esordiente Mount.  Lo stesso numero 19 deve però abbondare il campo per un infortunio muscolare. Dopo l'ingresso di Pedro, il Chelsea non riesce a sfondare come prima, viene bloccato da un centrocampo spagnolo compatto, abile a chiudersi in fase di non possesso e altrettanto capace di spingersi in avanti con fraseggi pericolosi al limite dell'area.
Le uniche iniziative blues provengono da William, l'esterno brasiliano preferito a Pulisic sembra poter dare una scossa ad un primo tempo privo di occasioni. Al 35' dopo una serpentina al limite dell'area scarica un destro potente che finisce alla destra di Cilessen. È la giusta carica per il Chelsea che tenta ripetutamente negli ultimi dieci minuti del primo tempo di portarsi in vantaggio. Prima con un lancio millimetrico dai 40 metri di Kovacic sui piedi di William che non riesce a battere a rete e poi con un mancino sul primo palo ancora di William abilmente respinto.

Le squadre vanno negli spogliatoi con uno 0 a 0 che rispecchia quanto visto in campo, più pericoloso il Chelsea nella fase iniziale e in quella finale ma non abbastanza per avere ragione del Valencia.
L'impressione generale è che la partita possa risolversi con la giocata di un singolo o da palla inattiva.

A inizio ripresa ci prova da punizione Marcos Alonso ma il suo tentativo trova la pronta risposta di Cilessen sul secondo palo.
Lampard vede che è il momento giusto di colpire e inserisce Giroud al posto di Zouma, arretrando Alonso e Azpilicuta come terzini e affidando il reparto offensivo al campione del mondo francese e al giovane Abraham.

Al minuto 74 cambia la partita: da palla inattiva Parejo inventa una traiettoria morbida in area per Rodrigo che - lasciato colpevolmente solo da Abraham - deposita il pallone in rete con un sinistro preciso e letale.

La reazione inglese non si vede, e Lampard si gioca sull'ultimo cambio inserendo Barkley per Kovacic (una scelta che si rivelerà fatale).
Il gioco del Chelsea che cerca di recuperare dallo svantaggio risulta impacciato, confuso, senza un'identità di gioco chiara. È questa probabilmente la maggior debolezza della squadra londinese; complici gli interpreti giovani, l'inesperienza del tecnico e le novità apportate, manca una coralità in tutti i reparti.

Dalla parte dei padroni di casa sembra esserci però la sorte. A cinque minuti dal novantesimo, sugli sviluppi di un calcio d'angolo, Wass impatta il pallone con l'avambraccio sinistro. Cakir lascia giocare ma dopo essere stato richiamato alla "On field review" assegna il penalty.
La gerarchia per la realizzazione dagli 11 metri è chiara: in primis Jorginho, poi William e infine Barkley. Il numero 8 blues però non vuole sentire ragioni, abbraccia il pallone e si dirige verso il dischetto con Jorginho visibilmente contrariato alla spalle.
Come accade il più delle volte, l'inglese fallisce il rigore: il destro si infrange sulla traversa e termina sul fondo.

Il Chelsea proverà invano fino all'ultimo ad acciuffare il pareggio, l'ultimo sussulto è di Christiansen che di testa sfiora il gol all'ultimo istante.

Finisce 0 a 1, fondamentale vittoria per il Valencia, la squadra spagnola in fermentazione per le vicende societarie è stata capace di saper aspettare il Chelsea e di colpirlo alla prima grande occasione.
Per gli uomini di Lampard servirà tempo e carattere e poco aiuta l'impegno domenicale contro il Liverpool in Premier League.

Altre notizie
Martedì 28 aprile 2020
16:38 Ligue 1 Stop alla Ligue 1, il Primo Ministro Philippe: "La stagione 2019/20 non potrà riprendere" 16:32 Ligue 1 Ligue 1 verso lo stop definitivo: se riparte ad agosto, sarà direttamente col nuovo campionato 16:28 Premier League Il piano della Premier League per ripartire il 9 giugno: giovedì il confronto col Governo 12:11 Storia I primi 50 anni del Cholo: dall'esordio in A al Pisa a leggenda all'Atlético
Lunedì 27 aprile 2020
21:21 Calcio sudamericano Dopo l'Eredivisie annullato anche il campionato argentino
Mercoledì 22 aprile 2020
12:03 Primo Piano Quando ripartono i campionati? La situazione nei cinque maggiori tornei d'Europa
Venerdì 17 aprile 2020
17:25 Champions League Champions League, l'edizione 2020-21 ha già una data indicativa di partenza 17:24 Primo Piano Tre giorni politici per la ripartenza in Europa: due strade per Champions ed Europa League
Venerdì 10 aprile 2020
15:06 Primo Piano Messi dice no all’Inter: “Sono solo falsità”. Ma è una smentita curiosa: ecco perché in realtà Suning ci sta pensando
Sabato 04 aprile 2020
11:47 Calciomercato Barcellona, il Neymar-bis trova sempre più conferme: il PSG apre alla cessione in estate 08:44 Primo Piano Champions League, quattro possibili soluzioni per portare a termine il torneo
Giovedì 02 aprile 2020
23:49 News Ceferin e Agnelli avvisano il Belgio: "Prematuro chiudere ora i campionati" 23:39 Approfondimenti Jupiler Pro League pionieristica ai tempi del virus. Ma la strada belga è complessa per l'Italia 23:37 Primo Piano Il calcio belga dice stop: Brugge campione! 11:35 Champions League La UEFA fissa al 3 agosto la deadline per terminare i campionati nazionali: Champions e EL ripartirebbero in un secondo momento 11:30 News Valencia, tutti guariti i positivi al Coronavirus: negativo il tampone di controllo 11:25 News Vertice UEFA, fronte unanime delle 55 Federazioni: nessuno vuole interrompere la stagione 11:16 Storia 2 aprile 1995, David Beckham fa il suo esordio in Premier League 11:11 Champions League La finale di Champions si potrebbe giocare a porte chiuse 11:10 Primo Piano La Uefa indica la strada: proposte due soluzioni per tornare a giocare