SEZIONI NOTIZIE

È un Ronaldo irriconoscibile: voleva firmare la vittoria ma in campo è un fantasma

di Redazione Eurochampions
Vedi letture
Foto
© foto di Alessandro Garofalo/Image Sport

Undici metri. È la distanza tra il dischetto e la porta, il margine tra l’essere protagonista della vittoria o immagine della sconfitta. Sono quelli che Cristiano Ronaldo non ha potuto percorrere, ieri sera nella finale tra Napoli e Juventus. Per essere l’uomo dell’ultimo rigore. Quello decisivo, se ci si arriva. Come nel 2012, all’Olimpico gli è andata male. A differenza del 2016, quando si prese la copertina della finale di Champions League. 

Voleva firmare la vittoria. CR7 è così, inutile nascondersi. Tutto o niente. Di solito tutto, va detta la verità: non sarà una finale di Coppa Italia (la seconda persa in carriera, però) a cambiare il palmarès di uno dei calciatori più straordinari di tutti i tempi. Il lusitano cinque volte Pallone d’Oro è il catalizzatore, delle attenzioni, del gioco, dei gol: la Juve lo ha accettato, anche ben volentieri, nel momento in cui ha scelto di puntare sul 7 del Real Madrid e farne il colpo del secolo, almeno in Italia. Contro gli azzurri, voleva essere lui, ancora una volta, a mettere il sigillo finale. A fare del trofeo la coppa di Ronaldo, prima ancora che della Juventus.

Invece scompare nella sconfitta. A conti fatti, però, Cristiano Ronaldo non c’è. Assente nella breve e sfortunata (per i bianconeri, ovvio) lotteria dei rigori. Perché l’ultimo è decisivo, a patto di batterlo. Questione annosa, il dibattito è ampio e variegato, dai campetti di calcetto alle finali dei mondiali: nel 2006, Lippi mandò per primi i più bravi, per esempio. Ultimo rigore o no, il punto è che comunque CR7 vi si sarebbe avvicinato dopo una partita in cui è stato attore non protagonista e non certo dei migliori: ha tirato sì, ma quasi mai rendendosi pericoloso. Ha toccato 48 palloni: tra i titolari, soltanto Buffon e Matuidi hanno “giocato” meno nelle fila della Vecchia Signora. Per i verdetti è presto: siamo solo alla seconda partita del calcio Covid. Ma non sempre si è decisivi tirando la stoccata finale.

Altre notizie
Mercoledì 20 gennaio 2021
16:03 Calciomercato Ribery e le sue ultime parole:"Non escludo un ritorno in Bundesliga" 15:56 News Gattuso non crede ad una Juventus in crisi di gioco 15:44 Bundesliga Il Bayern ha l'occasione per volare in classifica, il Lipsia non deve fallire 15:33 Bundesliga Il Leverkusen batte il Dortmund e si posiziona al secondo posto 10:28 Primo Piano Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi oggi in edicola 10:13 Serie A Napoli-Juventus, i precedenti in Supercoppa 10:06 Serie A Serie A oggi si recupera Udinese-Atalanta
Martedì 19 gennaio 2021
23:22 Premier League Leicester, ritorno al passato: 2-0 al Chelsea e primo posto provvisorio 22:00 Premier League La Flop 5 del girone di andata: Sheffield, from hero to zero 21:15 Premier League La Top 5 del girone di andata: Southampton e Aston Villa, che sorpresa! 19:30 Liga Messi, lo schiaffo costa caro: squalifica di due giornate 15:54 Calciomercato Kouadio Koné in arrivo al Borussia Monchengaldbach, beffato il Milan 15:43 Calciomercato Huntelaar, il centravanti olandese nuovamente in Germania, allo Schalke 15:34 Calciomercato Alaba, il Real Madrid è sempre più vicino al suo acquisto 15:20 News Juventus-Napoli, le probabili formazioni del match di Supercoppa Italiana 10:47 Serie A Roma-Spezia, le probabili formazioni dei quotidiani 10:42 Serie A Juve-Napoli, Valeri designato per la Supercoppa 10:37 Primo Piano Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi oggi in edicola 10:29 Serie A Mario Mandzukic è arrivato a Casa Milan
Lunedì 18 gennaio 2021
23:45 Premier League Premier League Zone, giornata 19: risultati e classifiche