SEZIONI NOTIZIE

Inter, un pareggio che complica già il cammino. Slavia Praga? Chi lo ha sottovalutato ha sbagliato

di Stefano Pontoni
Vedi letture
Foto

No, l'Inter non è ancora pronta per imporsi in Europa. E' normale che sia così, anzi sarebbe impossibile l'incontrario. Le tre vittorie di campionato hanno gettato un po' di fumo negli occhi e fatto perdere un po' a tutti, addetti ai lavori, commentatori e giornalisti, l'obiettività. Questa è un'Inter che deve ancora crescere. Le fondamenta di questo nuovo progetto sono state gettate soltanto in estate, Conte ci sta lavorando da due mesi e poco più. Per questo motivo   dovevano essere prevedibili anche gare del genere.

Sento tantissimi tifosi sconsolati, per loro quella di ieri sera è stata una prestazione inspiegabile. E invece è più che spiegabile, basta riguardarsi la sfida di sabato contro l'Udinese, lì l'Inter non ha affatto brillato. Nemmeno a Cagliari la prestazione è stata indimenticabile, tutt'altro. Ha vinto sì ma bastava guardare la faccia di Conte a fine partita per capire che diverse erano le cose che non andavano. 

Sbagliata anche la convinzione che l'ambiente neroazzurro ha maturato dal giorno del sorteggio in poi. Era da incompetenti pensare che lo Slavia Praga fosse una squadra materasso, i tre punti facili all'esordio. No, non era così e sta sera lo si è capito chiaramente. Non era difficile intuire che i cechi avevano qualità, che erano inferiori sulla carta ma tosti in campo. Basta rivedersi l'ultima edizione dell'Europa League per capire di cosa sto parlando. Il calcio non ammette errori di valutazione.

Conte è rimasto deluso, ci mancherebbe che non fosse così. Ma se davvero è tra gli allenatori più bravi al mondo sa benissimo che una squadra vincente non si costruisce in un giorno. Ai neroazzurri manca ancora armonia, manca un gioco chiaro. Non a caso già nel primo tempo, quando lo Slavia andava ad aggredire alto, soffriva terribilmente. Si è limitata a fare una partita di rimessa, troppo poco per una squadra con certe ambizioni importanti, troppo poco per vincere. L'Europa non è l'Italia e tutte le partite sono praticamente delle finali.

E meno male che l'ha riagguanta Barella, altrimenti ora saremmo qui a parlare di tragedia. Il pareggio con lo Slavia è grave per le possibilità di passaggio del turno, considerando che era l’unico bonus a disposizione ed è stato sprecato come l’anno scorso col PSV, solo questa volta nella prima partita. Dopo questa prima il cammino dei neroazzurri si è fatto in salita.

Complimenti invece ai cechi, che si confermano ancora una volta una buona squadra. Dopo l'esperienza in Europa League, interrotta ad un passo dalla finale, lo Slavia arriva a Milano e va ad un passo dal colpaccio. Dove arriverà non si sa ma intanto l'obiettivo terzo posto, se le prestazioni sono queste, può essere centrato. Una squadra che sicuramente, sia in casa che in trasferta, darà del filo da torcere a tutti.

Altre notizie
Martedì 28 aprile 2020
16:38 Ligue 1 Stop alla Ligue 1, il Primo Ministro Philippe: "La stagione 2019/20 non potrà riprendere" 16:32 Ligue 1 Ligue 1 verso lo stop definitivo: se riparte ad agosto, sarà direttamente col nuovo campionato 16:28 Premier League Il piano della Premier League per ripartire il 9 giugno: giovedì il confronto col Governo 12:11 Storia I primi 50 anni del Cholo: dall'esordio in A al Pisa a leggenda all'Atlético
Lunedì 27 aprile 2020
21:21 Calcio sudamericano Dopo l'Eredivisie annullato anche il campionato argentino
Mercoledì 22 aprile 2020
12:03 Primo Piano Quando ripartono i campionati? La situazione nei cinque maggiori tornei d'Europa
Venerdì 17 aprile 2020
17:25 Champions League Champions League, l'edizione 2020-21 ha già una data indicativa di partenza 17:24 Primo Piano Tre giorni politici per la ripartenza in Europa: due strade per Champions ed Europa League
Venerdì 10 aprile 2020
15:06 Primo Piano Messi dice no all’Inter: “Sono solo falsità”. Ma è una smentita curiosa: ecco perché in realtà Suning ci sta pensando
Sabato 04 aprile 2020
11:47 Calciomercato Barcellona, il Neymar-bis trova sempre più conferme: il PSG apre alla cessione in estate 08:44 Primo Piano Champions League, quattro possibili soluzioni per portare a termine il torneo
Giovedì 02 aprile 2020
23:49 News Ceferin e Agnelli avvisano il Belgio: "Prematuro chiudere ora i campionati" 23:39 Approfondimenti Jupiler Pro League pionieristica ai tempi del virus. Ma la strada belga è complessa per l'Italia 23:37 Primo Piano Il calcio belga dice stop: Brugge campione! 11:35 Champions League La UEFA fissa al 3 agosto la deadline per terminare i campionati nazionali: Champions e EL ripartirebbero in un secondo momento 11:30 News Valencia, tutti guariti i positivi al Coronavirus: negativo il tampone di controllo 11:25 News Vertice UEFA, fronte unanime delle 55 Federazioni: nessuno vuole interrompere la stagione 11:16 Storia 2 aprile 1995, David Beckham fa il suo esordio in Premier League 11:11 Champions League La finale di Champions si potrebbe giocare a porte chiuse 11:10 Primo Piano La Uefa indica la strada: proposte due soluzioni per tornare a giocare